fbpx


Il carrello è vuoto

REGOLAMENTAZIONE

cosa prevede il GDPR


L’art. 9, par. 1, del GDPR – General Data Protection Regulation vieta, in generale, il trattamento dei dati biometrici. Ammette solo alcune eccezioni: la prima prevede che l’interessato abbia autorizzato il trattamento; un’altra consente l’utilizzo dei dati biometrici solo se necessario “in ambito lavorativo o nell’ambito della sicurezza sociale e collettiva”.
Quando il sistema di controllo accessi si basa sul riconoscimento facciale, l’identificazione dei soggetti avviene attraverso la presenza di telecamere intelligenti, dotate di software di video analisi a bordo. Anche per questo tipo di riconoscimento biometrico, il GDPR interviene in maniera restrittiva, stabilendo che è il Garante Privacy che, valutando caso per caso, si esprime in via preliminare per dare il suo consenso all’utilizzo di telecamere così invasive per la privacy di ognuno.
Dunque, ancora prima di rendere operative le telecamere con riconoscimento facciale a bordo, esiste l’obbligo, da parte del titolare del trattamento delle immagini (il proprietario della struttura in cui si intendono installare tali telecamere oppure, nel caso in cui il controllo accessi mediante riconoscimento facciale riguardi un luogo di lavoro, il datore stesso), della valutazione di impatto sulla protezione dei dati (D.P.I.A.- Data Protection Impact Assessment), ai sensi dell’art. 35 del GDPR.
Ma che cosa è accaduto con lo scoppio della pandemia? Diciamo che la situazione drammatica che abbiamo vissuto, ha messo in moto tutta una serie di eccezioni in materia di privacy e trattamento dati personali. Lo stesso GDPR, come detto in precedenza, “nell’ambito della sicurezza sociale e collettiva” ammette l’utilizzo dei dati biometrici, purché comunque gli interessati ne siano sempre al corrente.
Ricordiamo, poi, che, relativamente alla rilevazione della temperatura corporea nei luoghi di lavoro mediante telecamere termiche, il 14 marzo 2020 , Governo e rappresentanze sindacali hanno siglato il “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” il quale, tra le altre misure, definisce, per il datore di lavoro, la possibilità di raccolta e trattamento dei dati personali del dipendente, relativamente alla misurazione della sua temperatura corporea.
La rilevazione della temperatura corporea mediante telecamere termiche costituisce, in tutte le circostanze in cui viene eseguita, un trattamento dati personali. In questo caso specifico, i dati in questione rientrano nella categoria dei “dati particolari”, in quanto volti a raccogliere informazioni sullo stato di salute dei lavoratori. Che cosa significa questo, nel concreto? Che la rilevazione della temperatura corporea deve obbligatoriamente avvenire ai sensi della disciplina privacy vigente, vale a dire del Regolamento UE sulla protezione dei dati 2016/679 e del GDPR – General Data Protection Regulation: i datori di lavoro sono chiamati a rilevare la temperatura corporea dei dipendenti, senza però registrare il dato acquisto.
È possibile identificare il soggetto e registrare il superamento della soglia di temperatura solo quando è necessario a documentare i motivi che ne hanno impedito l’accesso all’azienda. Il datore ha, poi, l’obbligo di fornire ai lavoratori l’informativa sul trattamento dei dati personali all’ingresso stesso dei locali, dove vengono posizionati le termocamere.
Utilizzo dei dati biometrici

Utilizzo dei dati biometrici

La nostra soluzione utilizza un sistema di riconoscimento biometrico con lo scopo di identificare una persona sulla base di una o più caratteristiche biologiche (biometria), confrontandole con i dati, precedentemente acquisiti e presenti nel database del sistema, tramite degli algoritmi e di sensori di acquisizione dei dati in input.
Condivisione dei dati

Condivisione dei dati

Tramite le applicazioni mobili  sarà possibile registrare localmente sul proprio smartphone i propri dati biometrici e le informazioni di registrazione necessarie per effettuare un check-in davanti ad una delle nostre telecamere di sicurezza: i dati saranno condivisi con il sistema solo quando necessario.
Archiviazione

Archiviazione

La memorizzazione dei dati biometrici delle persone dell'organizzazione viene eseguita esclusivamente sul server locale con replica su cloud. I dati di eventuali ospiti verranno condivisi e memorizzati nel sistema locale dell'organizzazione solo per i giorni necessari per consentire il riconoscimento e l'accesso.

To counter the spread of COVID-19, we offer innovative solutions for access control using facial recognition, body temperature measurement and contact tracking technologies in full respect of privacy. IntellyScan® is a registered trademark.

Follow Us